ROMA

Sono stati come chicchi d’uva al palato, freschi, gli angoli che ho calpestato come anima sognante in questa città.

Roventi, come il sole, le parole ibfisse tra ponti, piazze, panchine e roccie. Affascinanti come l’amore che ho, le acque che l’attraversano.

Attimi in cui ho sentito il cuore tremare, quel senso di solitudine che prende ogni luce sensibile, e che la fa sentire spaesata, pur in mezzo ad una moltitudine di fari.

Poi, tutto si ristabilisce, i traguardi con i loro meriti e l’amore con i suoi chiarimenti.

Ed è così che lungo il cammino, ogni pensiero tornava al punto di partenza, color rosso fuoco da un lato e bianco candido dall’altro.

Photo by ElyGioia

E come una statua io ho assaporato ogni cosa, rimanendo con i miei piedi sopra i piedi dell’amore, inerme, fossilizzata su di esso.

Bella Roma, ancora più bello è ciò che ho ascoltato tra l’acquisto di un souvenir ed il cambio di un tram. Sì, ancora più bello.

Ci ppenso, a quando da quassù ho fatto cadere il cuore affinché raggiungesse quel paio di mani che lo hanno conquistato.

E ripenso, a come ogni giorno, viaggio dopo viaggio, si fortifica ogni cosa, compreso il nostro noi .

Noi, che come artisti di strada, ci mostriamo per quel che siamo e nonostante questo non scappiamo, mai.

Photo by ElyGioia
Photo by ElyGioia
Photo by ElyGioia

Elisabeth Gioia Carbone

Precedente JESOLO SAND NATIVITY Successivo ANIME POETRY